respiri di una mattina di marzo

respiri di una mattina di marzo, inserito originariamente da fratella.

ieri – venerdì – crollati chi in branda chi su una poltrona a sonnecchiare dopo una giornata frenetica, si pensava d’esser troppo stanchi per venire qui.
Ma a notte tarda la riscossa: sistemate ad occhi chiusi in macchina le masserizie solite, ustionati dal caffè bevuto quasi ancora nella macchinetta, dalla città addormentata e nebbiosa si parte per la Valle di Casìes.
Diàmine: in due ore si sarebbe lì, sotto il piumino, pronti per un bel sonno e il mattino si sarebbe pronti a lumare i crocus e chissà cos’altro la ritrosa primavera avrebbe offerto.
Nebbia leggera in banchi, lungo il primo tratto: strada noiosa e lucente per la pioggia. Anzi per la grandine, che attraversiamo perplessi formulando scongiuri per gli agricoltori.
E poi, più su in Cadore, l’incanto: basse nubi filanti, in transito e in evoluzione, illuminate, nel cielo altrove terso, dal chiarore di una luna quasi piena.  E le montagne, le Dolomiti più belle, bianche di una neve appena scesa.
Così tutto il Cadore e poi, dopo Cortina – una lepre marzolina procede per qualche tempo con noi lungo la strada – il bosco fatato e luminoso di neve e di luna.
Alle tre di notte, arrivati a casa, esco con la fida pila sul prato nostro: poca neve gelata a marezzare l’erba, d’intorno i boschi e il paesaggio scintillante, il cielo terso e stellato. “Domani chissà che giornata” mi dico prima di scivolare nel sonno.
Domani, oggi, è questo volo di rondine, il crocus bianco, la neve che evapora dai pascoli.
la speranza

ti scrivo ricordi del tempo sospeso

vola la gazza verso il bosco ed io

vola la gazza nel bianco, inserito originariamente da fratella.

indago curiosa il gelo, quelle trame sottili sottostanti, ciò che vi affiora

nonostante il gelo

Van fissate in tempo le orditure sotto il mantello invernale e la neve, ghiacciata, in cristalli sfavillanti

quelle trame sotto il gelo

tra cui occhieggia qualche timido crocus

sì sì sì siam qui tutti i fratelli!

E nostalgia, voglia di primavera, mi portano a cercare in quei sussidi di memoria, nei byte del nostro compagno più intimo, che – sperando che non mi legga chi ho sposato – è il notebook con cui scrivo 🙂

Ecco dunque i crocus, botanici, piantati nel settembre di due anni fa al pedale dei ribes, ed in fiore nell’aprile dello scorso anno, i primi giorni, nella luce radente del mattino.

Crocus quasi nidiacei: affamati, canterini.

cip cip cip cip CIP ciop

Cantico dei colchici

Fioriranno ad aprile? Prima?

Torno al presente con i papaver orientalis, robusti sfidanti dell’inverno

cedendo il gelo

I corvi si affaccendano, giù nel prato,  attorno a una traccia di talpa e una zolla affiorante

il bianco, il nero e...

La temperatura scende, è tempo di rientrare. Buona notte, mio giardino, buona notte amica Valle di Casìes.

quando candido è il tramonto

rondini, farfalle, protezioni e pacciamature invernali

Ieri, 23 marzo, a suolo ancora gelato, le abbiamo rimosse. Le protezioni invernali, intendo. Non la pacciamatura tutta ma le ramaglie di abete e pino mugo. Non so se siano state una grande idea: che riparino dai venti è un pregio, ma che generino ombra sul suolo e che ne ostacolino il riscaldamento e lo sgelo mi sa che sia una possibilità molto probabile, e da verificare. Del resto anche Markus Obojes, che me ne aveva parlato come di accorgimento locale, dubitava della loro utilità.

le protezioni di rosa

Anche se la maggior parte della valle è innevata e i corvi sbìsigano qua e là seguendo le tracce smosse delle talpe, il tempo volge al bello: le gazze continuano ad apprezzare i semi di girasole e sono apparse le farfalle e le rondini.
La neve si è sciolta sul nostro prato e da qualche giorno narcisi e crocus e certi tulipani (Apricot Beauty?) – ai piedi del Prunus Padus – affiorano in piccoli gruppi. Di quelli naturalizzati nel prato nessuna traccia.
Api se ne vedevano anche la settimana scorsa: un po’ stordite.
Tra i sopravvissuti accertati: molte delle rose, tra cui l’ottima Nevada, le aquilegie, le euforbie, le veroniche, i papaver orientalis, i gerani piantati due anni fa, i lupini rossi, i sedum, che impazzano, i semprevivi – è chiaro – e forse gli imprudenti narcisi germogliati in novembre.
Dovrò inserire qui qualche foto.
Anzi, le aggiungerò al post di domani.

ove si spera di non ritrarre più nevi ghiacciate e foglie imprigionate. E che i lucherini tornino ai loro nidi, sui pini in alto in alto

l’inverno nel mio cuore, inserito originariamente da fratella.

non ho più visto i lucherini. Ed ora so perché. Un errore utilizzare quella mangiatoia da cui cadono i semi con troppa facilità.
La gatta deve aver colpito, rapida, tra gli uccelletti in terra. A spasso in quella benedizione di panìco, girasole e muesli.
E ne ha lasciato uno, per me, spero l’unico preso, che ho seppellito stamattina nel minimo strato di terra non ghiacciata, quasi al pedale dell’uva spina.

elogio della graminacea ornamentale

Elogio della graminacea ornamentale, inserito originariamente da fratella.

Ripensando alla pacciamatura con lo sfalcio del prato: tèl lì quando l’avevo sistemata, in quell’ottobre lungo e cromaticamente strepitoso, l’anno scorso. 🙂

E l’Amelanchier, con quel magnifico giallo sullo sfondo del bosco? Ne ho comprato una varietà a portamento meno espanso anche perché immune, così mi ha detto il vivaista, da quel noioso oidio quasi impossibile da debellare. Almeno nel caso di questo arbusto.

Amelanchier alnifolia “Obelix” il suo nome e cognome. Mi aspettavo di vederci zampettare intorno Idéfix, Obelix Idéfixma forse non gli è ancora giunta notizia di questa pianta e le merdette che vi ho trovato, sotto lo strato di asettica neve, saran state di quella gattazza infida e cacciatrice che forse ha predato un povero lucherino, cliente poco avveduto del mio ristorantino.

Invasate a prescindere, quando non trapiantate. Di piante, giardini, terrazze, buazze.

BarTini

parole dry, olive e scorze di limone

A Venezia da Claudia

Venice Holiday Apartment

Fornelli Globali

io sono Marialetizia, con le mie ricette, il mio cibo, i miei fornelli e i miei corsi di cucina...

Wandering While Writing

A DIY Traveller's Guide To Affordable Adventures

Conoscere Venezia

Conoscere Venezia

Le ricette di Laura.

Se nessuno ti vede mentre lo mangi, quel dolce non ha calorie.

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

wwayne

Just another WordPress.com site

Made in Santin

Pasticceria Democratica

Dalle Ricette Mediche a quelle in Cucina

Ricette facili e veloci per mamme sempre di corsa

lingonmor

la mamma dei mirtilli rossi

Milanese per caso

il mare negli occhi, la bora nel cuore

Italian home cooking

Authentic Italian food

ilgiardinonascosto

uno spazio interiore fatto di colori, profumi, pensieri e vibrazioni del cuore.

qbbq

Quanto basta di cucina & altro

Incomincio dal crostino

FantasiaAllegriaVineria

Tavolo per due

OPPOSTI MA CON GUSTO Blog di racconti enogastronomici a partire da due punti di vista differenti: una buon gustaia in carne, tendente al fritto, in viaggio con una buon gustaia personal trainer, tendente salutista! Qui la tradizione si fonde con le nuove esperienze, le ricette diventano ricordi e la condivisione ha un sapore leggero e simpatico.

Family, bakery and country

Una famiglia alla ricerca dell'equilibrio tra figlie in crescita, esperimenti di panificazione e vita in campagna. A family in search of balance between daughters growing, experiments of bakery and country life.

MY WORLD

Diario di una donna con la valigia

terradegliulivi

A topnotch WordPress.com site

Cristina Donati

"... Dice il saggio Bao Ding: se pensi che un posto sia lontanto parti e pensaci mentre cammini..." Stefano Benni.

Piove sul bugnato

parole, giochi di parole e altre cose

Maryse & Cocotte

Bienvenue dans ma cuisine ...

LA MASSAIA CONTEMPORANEA cuoca a domicilio

nel piccolo può fare grandi cose

Cronopiaggini

Note di un Cronopio che forse è anche un po' Fama

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

ILMONDO IN CUCINA

Non ci accomuna l'etnia. Nè la lingua araba,inglese,cecoslovacca,turca e chi più ne ha più ne metta; nè il modo differente di vestire e le innumerevoli culture.Ma c'è qualcosa che ci unisce più di tutte e che da vita ad un arcobaleno colmo di tradizioni,colori e sapori:la cucina.Che sia semplice o elaborata,in tutte le sue forme non è altro che il frutto del nostro essere.Che sia cinese,francese o italiana è la convivialità,l'amore per la tavola e la gioia di condividerla con i nostri cari a formare un unione vera e propria,che si spera,con il tempo,non scomparirà mai.

Alice's Adventures in Foodland

Non solo biscotti...

Being passionate about food makes me roar

Being passionate about food makes me roar

Andrea Caredda

Non c’è posto al mondo che io ami più della cucina. Non importa dove si trova, com’è fatta: purché sia una cucina, un posto dove si fa da mangiare, io sto bene. Se possibile le preferisco funzionali e vissute. Magari con tantissimi strofinacci asciutti e puliti e le piastrelle bianche che scintillano.” Due frasi, due concetti che definiscono la mia filosofia di cucina. Il tutto condito poi con passione, allegria, costanza, tenacia e grinta e amore

Cooking Planner

Cooking. Cake. Design.

Giardinaggio Irregolare

Chi scrive di donne e giardini deve sempre avere il coraggio di dichiarare le proprie opinioni

Giovanni Orlando

Frammenti e Fotografie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: